lunedì 10 novembre 2014

Scherzi Telefonici Palermitani (Parte 1)



Scherzi Telefonici Palermitani (Parte 2)


martedì 28 ottobre 2014

Barzelletta siciliana: “LE DISGRAZIE DEL COMMENDATORE”


COMMENDATORE: “Alfio, sto partendo pi travagghiu e manco na simana. Mi raccumannu a tia, talìa bonu a me casa e a me famigghia. Io cerco di chiamariti, ma si ci sunnu cose urgenti che non sai spirugghiari, mi pò chiamari ô cellulare”.
ALFIO: “Commendatore, un ci su pobbremi, partisse tranquillo ca ci penzu iù a tutto e facisse buon viaggio, ah!”
C.: “Occhi aperti, Alfio, e talìa bonu a me mugghieri ca chidda è capaci di darici li gocce pi dormiri a me matri e di fari trasiri dintra qualche masculu”
A.: “Commendatore, ma che va pinsannu! Stasse tranquillissimo, chi ca cu mia e u so cani lupo un pò trasiri nuddu”
C.: “Un ci dari di manciari a Rocky di sira, va sinnò ca panza china s'alluppia e non fa la guardia. Deve mangiare solo una volta al giorno e sempre la matina”
A.: “Va bene, Commendatore, sarà servito!”
U riccu commendatore si ni va e pi na para di jorna tuttu fila lisciu.
Nzinu a quannu na sira, chiama, chiama ma nuddu arrispunni. Ma siccome ha conosciuto a na bedda fimmina, havi la plescia di turnari ni idda, un ci penza chiù e torna ô tavulu du pub unni avia lassato l'amica appena accanusciuta.
All'indomani mattina, però, s'arruspigghia c'u pinzeru di parrari cu Alfio e telefona.
DRIN DRIN, DRIN DRIN...
A.: “Pronto!”
C.: “Alfio, ma chi fini facisti assira? Ti chiamai ma un m'arrispunnisti. Chi ci fu cosa?”
A.: “Commendatore illustrissimo, buongiorno! No, nca nenti ci fu. È chi assira stava scavannu na buca e un intisi u telefono.”
C.: “Na buca? E pi farici chi, nca poi di notte?”
A.: “Sì commendatore, na buca pi vurricari a Rocky, per non farcelo vedere a so mugghieri, ca nirbusa com'è, s'aviss'impressionatu a viriri l'armaluzzu comu s'avia arridducitu”
C.: “L'armaluzzu? Ma chi, Rocky? Picchì, chi capitò?”
A.: “Nca nenti di grave, commendatore. È che assira Rocky ntisi nu scrusciu e currennu scuppò dintra a piscina ca era vacanti e si fracassò tuttu, sbattiu a testa ca s'accurzò macari u mussu e nenti... c'era sangu d'unnegghiè. Ma non si preoccupasse. Puliziai tutto meggh'i prima. Non si vede niente, così so mugghieri non si impressionò!”
C.: “ROCKY, ROCKY MIO È MORTO?
Ma come a piscina vacanti ca era china? PICCHÌ A SVACANTASTI? IO NON TI PAGO PER FARE LAVORI A TESTA TUA!”
A.: “Maria Santissima, non s'arrabbiasse ca ci sale la pressione. Non fui io ma i pompieri chi vinniru l'altro ieri p'astutari l'incendio. Ma non si preoccupi, tutto a posto. Sua moglie non si ustionò manco un dito e le cose vanno e vengono, si possono ricompare!”
C.: “L'incendio? Che incendio? Ho perso casa mia?
ALFIOOOOOOO....
e mia moglie dove dorme? E mia madre?”
A.: “Commendatore un ittassi vuci ca io la intisa l'haju bona.
Allura, la casa non è distrutta, sulu li cosi d'u saluni s'addistruggieru e so mugghieri s'accomodò nella foresteria, picchì i pompieri a ficiru nesciri per sicurezza”
C.: “LU SALUNI CU TUTTI LI TAPPITI PIRSIANI E LI ARAZZI DI SITA? Ma lo sai quanti miliuna avia pagatu tutti di cosi? Ma com'è che ci fu un incendio? Che ci fu, un cortocircuito? Curnutu elettricista, sparti m'avia dittu ca l'impianto era a norma di legge!”
A.: “Chi ci trasi l'elettricità? Iddu travagghiò bonu.
Fu na cannila. Scuppò ncapu a nu tappitu, una cannila addumata chi stava ô latu du tabbutu di so mà”
C.: “A CANNILA? U TABBUTU DI ME MÀ?
ALFIOOOOOO, me matri morse e un mi dicisti niente? MIA MADREEEEE!!!
Alfio, ora tu mi racconti per filo e per segno tutto.
Sparti t'avia ditto di chiamarimi per emergenze.
ALFIO, SEI INAFFIDABILEEEE!”
A.: “Commendatore un mi affinnissi, ca iu fici comu lei mi avia dittu. Mi disse di chiamarla solo se io non me la spirugghiavo, ma io arriniscì a fari tuttu da solo.
Allura, a sira ca lei partì, trasì un cristianu silenziosamente, tantu ca io un lu intisi. Ma era accanusciutu picchì manco Rocky abbaiò. Quindi era n'amicu.
So matri però, intisi scrusci, si susì e vitte so mugghieri in déshabillé, menza nuda, cu rispettu parrannu, cu na vestaglina trasparente và, abbrazzata a un masculu.
Ci parse un fantasma e urlò.
So mugghieri si scantò macari idda e tirò un candelabro in testa a so matri, ca scuppò, sbattiu a testa e morì.
Condoglianze, commendatore. Come mi dispiace!”
C.: “Dunque Alfio, vediamo se ho capito bene.
Me mugghieri fici trasiri a un masculu pi farimi curnutu, me matri morì, a casa s'abbruciò e tu vurricasti macari u cani.
LA MIA VITA È FINITAAAA?”
A.: “ Commendatore non urlasse. Lo sa che con l'infarto che appe non può prendersi dispiaceri che ci alza la pressione.
Stasse calmo e pinzasse alla salute!”
C.: “A saluti? E ha pinzari a saluti dopo tutti sti cosi nigative?”
A.: “Commendatore mio bello, sì.
Una notizia positiva c'è. L'altro giorno andai a ritirare i so esami.
Si rilassasse, non ci sono notizie negative.
Lu test pi l'AIDS ìu bene. È positivo!”
                                                                                          (Suggerita da Sir EL)
 

martedì 21 ottobre 2014

"FIGGHIU DI LU MARI" (Poesia siciliana con traduzione) molto bella e commovente, leggetela!


Il 3 ottobre 2013 una "carretta del mare", dopo essersi incendiata, si inabissò al largo di Lampedusa. I sommozzatori ripescarono più di 300 corpi, molti dei quali rimasero senza nome ed indicati con un semplice numero. Sottocoperta venne recuperata la salma di una giovane donna neppure ventenne e del suo bambino ancora legato a lei dal cordone ombelicale. Le due vittime furono indicate rispettivamente con i numeri 314 e 315.



FIGGHIU DI LU MARI
- di Sir EL -

Assicuti un surrisu
nta lu sonnu biatu
annacatu da lu ventri
di cu t'ha criatu.
Un u sai soccu è
lu tempu chi passa
ma un jornu ci l'avrai
e tirirai la to nassa.
T'auguro, figghiu,
tanta furtuna
mancu un miraggiu
nta sta laguna.
Arriva lu mmernu
'nca doppu 'a state
p'un munzeddu di vite
mai chiù angariate.
Lu mari è orgogliu
pi na para è mammella
ma di li vote
iddu s'arribbella.
Ti etta a riva
dispirazziuni
campani a luttu
e ndignazziuni.
Assicuti un surrisu
nta lu sonnu biatu
annacatu di l'ancili
ca t'hannu piscatu.
Un ci l'avisti
lu to tempu passatu.
Nutricheddu profugu

cu l'ali si natu.
                                                             (Sir EL)                                              
                               (TRADUZIONE)                                  
FIGLIO DEL MARE


Insegui un sorriso
nel sonno beato cullato
nel grembo di chi t'ha creato.
Non sai cosa sia
il tempo che passa
ma un giorno vedrai
e tirerai la tua nassa.
Ti auguro, figlio,
tanta fortuna,
nessun miraggio
in questa laguna.
Verrà l'inverno
ma dopo l'estate
per esistenze
non più arrancate.
Il mare è orgoglio,
per molti è mammella,
ma delle volte
lui si ribella.
Consegna a riva
disperazione,
campane a lutto
e indignazione.
Insegui un sorriso
nel sonno beato
cullato dagli angeli
che t'hanno pescato.
Non avrai mai
il tuo tempo passato,
piccolo profugo,
con le ali sei nato.

                    

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...